clicca per abilitare lo zoom
caricamento...
Nessun risultato
apri la mappa
vista Roadmap Satellitare Ibrido Terreno La mia posizione A schermo intero

Museo della civiltà contadina

Via Strada delle Valli, ,
Preferito

Descrizione

Quando Gino Girolomoni riportò in vita il Monastero di Montebello

Gino Girolomoni, ex sindaco di Isola del Piano e padre dell’agricoltura biologica in Italia, aveva un sogno, quello di non stare dalla parte di chi distrugge il mondo, ma da quella in cui il mondo, la terra, la natura vengono coltivati, amati, protetti. E questo sogno, Gino Girolomoni, lo plasmò, lo coltivò e lo rese reale.

Il Monastero di Montebello ha origini antichissime, risalenti al XIV secolo, così come documentato da Padre Bernardino Pucci, Priore del Monastero nel 1638. Un luogo che gode del fatto “d’esser rimasto intatto e libero dall’acque dell’universal diluvio”, come scrive Padre Pucci, uno spazio coperto di verde, di terreni fertili per i pascoli, circondato da noci, castagni, cipressi e querce.

Il Monastero si trova nell’altopiano delle Cesane, tra Urbino, Fossombrone e Isola del Piano e venne riportato in vita, da rudere qual era, da Gino Girolomoni, che decise di trasformarlo nella sua abitazione, ma anche in un luogo di scambio di riflessioni, di cultura sulla civiltà contadina.

Oggi è sede della Fondazione Girolomoni, che si occupa di attività culturali e incontri dal vivo, della Fattoria didattica e del Museo della Civiltà Contadina “Sulle tracce dei nostri padri”, oltre che un rifugio per quanti vogliano scappare dalla confusione quotidiana e ripararsi in un luogo ameno (il Monastero di Montebello è anche un bed and breakfast, con cinque camere per alloggiare e due sale meeting per riunioni o attività di diverso genere, da yoga a meditazione, e con altre sei camere nella vicina Locanda Girolomoni).

Interesse particolare lo suscita proprio il Museo, nato negli anni Settanta, che è suddiviso in due sezioni: una ospita reperti di ceramica e fonti scritte sulle testimonianze delle civiltà che via via si sono susseguite nel territorio delle Cesane. La seconda comprende attrezzi e utensili impiegati dalla società contadina, dunque birocci, calessi, aratri in legno, ma anche gli arnesi utilizzati dagli artigiani di una volta, dal fabbro allo scalpellino, dal calzolaio al vasaio.

Il Museo comprende anche dei mulini a pietra e un pastificio, visitabili su prenotazione. Nel 1977 Gino Girolomoni è stato il principale fondatore di una cooperativa che fu uno dei primi produttori a introdurre il biologico nelle Marche, in Italia e oltre: solo nel 1987, infatti, fu dato alle stampe il primo regolamento europeo sul metodo di produzione biologico. Insomma, un amore sconfinato per la terra, per il territorio, per la natura e il mondo.

Indirizzo: Via Strada delle Valli
Provincia:
Stato / Paese:
CAP: 61030
Nazione: Italia
Apri in Google Maps
Sab 15 Giu
Dom 16 Giu
Lun 17 Giu
Mar 18 Giu
Mer 19 Giu
Gio 20 Giu
Ven 21 Giu
Sab 22 Giu
Dom 23 Giu
Lun 24 Giu
Di persona
Via Video
Le tue informazioni

Recensioni

Deviaccesso per pubblicare una recensione

Potrebbero interessarti

1

Palazzo di Castiglione

Palazzo Baldassarre Castiglione, costruito nel XVI secolo e oggetto di doppia ristrutturaz ...

Ex Chiesa della Santissima Annunziata

Una struttura architettonica legata a doppio filo alla famiglia dei Castiglione è anche la ...

Graziella Ra

Opera dell’artista contemporaneo Pino Mascia, questa statua in bronzo, raffigurante un tip ...

Chiesa di Santa Maria del Carmine

Una piccola chiesa, un’abitazione e una possente cinta muraria: questo è tutto ciò che rim ...

Confronto immobili

Confcommercio Marche Nord Pesaro e Urbino
Skip to content