Mombaroccio

Pesaro - Urbino

6 motivi per visitare Mombaroccio

Quanti tesori conserva Mombaroccio all’interno delle sue cinta murarie! Edifici illustri, musei speciali che sono testimonianza dell’antica e tradizionale vita dei contadini e degli antichi mestieri, un teatro settecentesco recentemente restaurato e delle vie tipiche del periodo medievale, in cui è diffusa un’aura di spiritualità con le chiese trecentesche che adornano il centro storico. 


Mombaroccio è un delizioso borgo adagiato su un colle del pesarese in un punto di passaggio che in passato fu strategico: si trova infatti al confine tra Fano e Pesaro ed è difeso da un castello dal XIII secolo. Il suo nome caratteristico si deve alla peculiarità del territorio su cui sorge; Mombaroccio, infatti, deriva da Mons Birotius, Mons Barotius, Mons Barottus per indicare il monte, mons, appunto, su cui sorge. Birotus invece tradotto dal latino è “biroccio”, un carretto da trasporto su due ruote che solitamente veniva utilizzato su strade difficilmente percorribili per via del manto non pianeggiante. 


Tanti i personaggi famosi che hanno calcato queste strade e percorso questi sentieri: dai potenti e illustri Malatesta, che edificarono cinte murarie per difendere il territorio dai Montefeltro, a Guidobaldo del Monte, un illustre matematico, fisico e astronomo legato a Galileo Galilei, fino a Ciro Pavisa, un pittore del Novecento le cui opere di arte sacra sono testimonianza del passato glorioso del borgo di Mombaroccio.

Mombaroccio - Itinerario della bellezza

Non ci resta che varcare la soglia della caratteristica Porta Maggiore con i torrioni cilindrici che le fanno da cornice e avviarci lungo le sue antiche vie, uscendo infine da Porta Marina dopo aver goduto del meraviglioso paesaggio che si apre davanti ai nostri occhi e che si estende dal colle Beato Sante al Mar Adriatico, e dal Monte Conero, visibile nelle giornate limpide e serene, a Rimini.

IL CENTRO STORICO, SCRIGNO DI MERAVIGLIE ARCHITETTONICHE

Passeggiando lungo i vicoli del borgo

Mombaroccio Giardino di Palazzo del Monte - Fano - Itinerario della Bellezza

Una volta varcata la soglia di Porta Maggiore, il visitatore è accolto dall’aurea medievale che trasuda da ogni sampietrino in via Guidobaldo del Monte, la strada principale che si percorre nel centro storico. 

 

Ed ecco che si staglia all’orizzonte il primo palazzo nobiliare che accoglie i visitatori, Palazzo del Monte che, risalente al XVI secolo, fu residenza dei Marchesi del Monte. Ciò che attira lo sguardo è l’ampio e meraviglioso giardino di 1600 mq, cui si accede da una via laterale e che è stato oggetto di un recente restauro. 

Torre Civica - Mombaroccio - Itinerario della Bellezza

Da qui la vista è rapita dallo straordinario paesaggio, che si può ammirare grazie alla sopraelevata cinta muraria, percorrendo il camminamento che la costeggia. Lungo via Del Monte il centro storico di Mombaroccio vanta altre strutture di gran pregio artistico e architettonico, come la chiesa principale, intitolata ai Santi Vito e Modesto, che sono anche i protettori del paese. 

 

Si tratta dell’edificio più alto e imponente del borgo, eretto nel Trecento caratteristico non solo per le dimensioni che lo distinguono, ma anche per i suoi fregi.

Chiesa di San Marco - Mombaroccio - Itinerario della Bellezza

Via Del Monte sfocia in Piazza Barocci, su cui si erge il Palazzo del Comune, del XIV secolo, il cui fianco è dominato dalla Torre Civica, innalzata tra il 1608 e il 1609 dall’architetto pesarese Guerrini. Accanto a essa si trova poi la chiesa di San Marco, fondata nel 1424, caratterizzata dal portale esterno con il bassorilievo in pietra d’Istria in cui è riprodotto il Leone di San Marco che, con l’artiglio, ghermisce il Vangelo. 

 

Adiacente alla chiesa di San Marco si trova il chiostro dell’ex convento dell’ordine dei Girolomini, oggi sede degli uffici dell’amministrazione comunale. 

Dettaglio timpano con Leone Chiesa di San Marco - Mombaroccio - Itinerarario della Bellezza

Il centro storico di Mombaroccio offre diverse altre attrazioni culturali, dal Museo di Arte Sacra, che conserva opere di inestimabile pregio risalenti all’età barocca, fino al Museo della Civiltà Contadina. 

 

Proseguendo nella passeggiata, si arriva infine a Porta Marina, così chiamata perché rivolta verso il mare.

ARTE, MUSEI, STORIA E SPIRITUALITÀ A MOMBAROCCIO

Tesori nascosti testimoniano i tempi che furono

Mombaroccio è un forziere di tesori nascosti che meritano di essere visitati e apprezzati, perché chicche uniche, testimonianze di epoche che furono. Della struttura originale della chiesa di San Marco, fatta erigere nel 1424 da Pier Francesco Rattoli grazie ai guadagni derivanti dalla sua attività di mercante a Venezia, e poi completamente ristrutturata, oggi rimane il timpano del portale d’ingresso, in cui è rappresentato il Leone di San Marco. 

 

Ma ciò che essa nasconde all’interno della sagrestia e nei locali dell’ex convento dei Girolomini non è meno significativo: qui, infatti, ha sede il Museo dell’Arte Sacra di Mombaroccio, sorto negli anni Ottanta grazie al lavoro di tanti volontari e volontarie che, con il sostegno della Pro Loco locale, hanno raccolto quadri, pale, incisioni, mobilia, paramenti sacri, tessuti con filamenti in oro e argento e oggetti sacri dei secoli dal XVI al XIX che erano custoditi nelle chiese disseminate nel territorio di Mombaroccio, testimonianza del lavoro di tanti artisti rimasti anonimi.

Museo di Arte Sacra - Mombaroccio - Itinerario della Bellezza

L’ex convento dei Girolomini nasconde anche altri tesori, nelle grotte di tufo e nei sotterranei seicenteschi; qui, infatti, trova spazio un Museo della Civiltà Contadina, sorto negli anni Ottanta sempre grazie all’impegno e alla dedizione dei volontari coordinati dall’eccezionale passione di Varis Iacucci, mobaroccese doc attento a preservare e a tramandare nel tempo la memoria dei luoghi.

Museo della Civiltà Contadina - Mombaroccio - Itinerario della Bellezza

Il Museo contiene strumenti, attrezzi di lavoro agricoli, artigianali e casalinghi di un periodo che abbraccia i secoli XVIII, XIX e XX. Sono dodici le stanze che compongono la struttura, scrigno di oltre cento pezzi, tra cui emergono una seminatrice a setaccio, una pesa pubblica, degli arnesi impiegati dal ciabattino, perfino una carrozza d’epoca. 

 

Varcare la soglia di questo museo è come tornare indietro nel tempo e rivivere la vita quotidiana dei contadini; sono state ricreati, infatti, locali che ricordano la cucina di una casa colonica, la neviera, la cantina, la stanza olearia… oltre alle botteghe di fabbri e falegnami.

Museo della Civiltà Contadina 2 - Mombaroccio - Itinerario della Bellezza

Troviamo, infine, all’interno dei locali della Torre Civica, il Museo del Ricamo, in cui sono conservati i ricami pregiati dell’antica tradizione popolare, legata alle donne di Mombaroccio. I pezzi più antichi risalgono al XV secolo, periodo nel quale veniva impiegata la tecnica del legaccio. 

 

Nel paese è attiva anche oggi una scuola di ricamo, i cui frutti possono essere ammirati dai visitatori che fanno capolino nei locali della Galleria della Torre. 

 

Non solo arte e musei, ma anche spettacoli a Mombaroccio: è stato infatti recentemente restaurato il Teatro comunale, risalente alla metà del Settecento. Riaperto nel 2013, oggi è luogo che racchiude il moderno coniugato a un sentore nostalgico del tempo che fu.

Museo del ricamo 2 - Mombaroccio - Itinerario della bellezza

SANTUARIO DEL BEATO SANTE

I tre miracoli delle ciliegie d’inverno, il lupo ivenuto agnello e le ghiande con il segno ella croc

Santuario del Beato Sante Fronte - Mombaroccio - Itinerario della bellezza

Per giungere al Santuario del Beato Sante, a pochi chilometri dal centro storico di Mombaroccio, occorre addentrarsi nel bosco circostante e percorrere una strada che, in pieno autunno, offre un’immagine di sé suggestiva e fiabesca, col tappeto di foglie gialle, arancioni e marroncine che si sentono scricchiolare a ogni passo. 

 

La fondazione del Santuario risale al 1223, ad opera dei frati francescani, che ancora oggi ne hanno cura. “La chiesa e il convento del Beato Sante sono un complesso di grande importanza per la storia civile, religiosa ed architettonica delle Marche”, scriveva nel XIII secolo papa Niccolò IV e oggi non possiamo che confermare queste parole, perché il Santuario è davvero un riferimento importante per i fedeli, oltre a rappresentare un polo artistico e culturale. Il complesso architettonico si presenta come il risultato di sette secoli di interventi e della commistione di stili differenti, che lo hanno reso unico e particolare. 

Santuario del Beato Sante - Mombaroccio - Itinerario della bellezza

Il lato est si mostra con la sagomatura architettonica tradizionale che dà spazio alla navata principale e su cui si erge il maestoso e originale campanile, con i suoi capitelli in pietra bianca. 

 

Il porticato di pietra di Sant’Ippolito, lo stupendo portone del 1300 in legno di larice, le rappresentazioni sotto il porticato ci restituiscono l’immagine di un complesso architettonico unico nel suo genere. L’interno della chiesa ospita la Cappella del Beato Sante, realizzata nel XVIII secolo, che conserva le spoglie mortali del Beato.

Statua del Beato Sante - Mombaroccio - Itinerario della bellezza

Qui troviamo anche una tela attribuita al Favini e affreschi di Ciro Pavisa, come il già citato “Miracolo delle ciliegie”. Ma quale ruolo è attribuito al Beato Sante, quali le azioni che lo hanno reso così importante per Mombaroccio? 

 

Giansante Brancorsini: questo era il nome del ventisettenne che, nel 1370, bussò alle porte del convento della chiesa di Santa Maria di Scotaneto e chiese al Padre Guardiano di accoglierlo nel convento in segno di penitenza per un peccato che aveva commesso e il cui rimorso lo tormentava da un anno: per legittima difesa, egli aveva involontariamente colpito a morte un parente che, colto da un raptus di follia, stava per ucciderlo. 

In ricordo del miracolo delle ghiande - Santuario del Beato Sante - Mombaroccio - Itinerario della bellezza

Il Beato Sante, si racconta, fu protagonista di tre singolari episodi che fecero gridare al miracolo: dopo averla benedetta rese fertile una quercia sterile da anni che produsse una quantità incredibile di ghiande sulle quali era incisa una piccola croce; rese mansueto un lupo selvatico che aveva incontrato lungo il cammino di ritorno al convento e che stava per sbranarlo e infine, tra l’incredulità di tutti i frati che vivevano con lui, in pieno inverno riuscì a far produrre delle ciliegie dall’albero del convento.

GUIDOBALDO DEL MONTE E CIRO PAVISA

Uno scienziato ed un artista sulle strade di Mombaroccio

Due personaggi illustri hanno calcato le strade del borgo medievale di Mombaroccio e sono Guidobaldo del Monte, vissuto tra il 1545 e il 1607, e Ciro Pavisa, nato nel 1890 e morto nel 1972. 

 

Nobile, scienziato, illustre matematico, fisico e astronomo il primo, artista e pittore il secondo. Guidobaldo del Monte nacque in una eminente famiglia che ascese alla nobiltà solo una generazione prima della sua nascita: fu infatti il padre Ranieri a essere insignito del titolo di Marchese del Monte grazie ai meriti che ottenne in ambito militare. 

 

Alla morte di Ranieri, Guidobaldo ereditò il titolo e iniziò a firmarsi “dal Monte” anziché “del Monte”, secondo l’uso del tempo. 

Egli ereditò anche un cospicuo patrimonio, tanto che ottenne il titolo di Conte di Mombaroccio. 

 

Guidobaldo dedicò tutta la sua vita alla scienza, alla matematica; studiò infatti all’Università di Padova, anche se probabilmente non conseguì alcun titolo, e fu proprio lì che instaurò un forte legame di amicizia con il poeta Torquato Tasso, il quale dedicò a Guidobaldo il sonetto “Misurator di corpi celesti”. 

 

Dopo aver prestato servizio militare combattendo in Ungheria, il conte si ritirò nella sua tenuta a Mombaroccio, dove si dedicò completamente agli studi scientifici. Celebre è poi il suo scambio epistolare con Galileo Galilei.

La sua opera più importante fu “Liber Mechanicorum”, data alle stampe nel 1577, testo da cui Galileo trasse alcuni importanti spunti per i suoi studi. Il rapporto tra i due uomini sarà uno dei temi oggetto di un convegno che si terrà ad aprile 2023. 

 

In un’epoca forse più travagliata, segnata dagli orrori delle due guerre mondiali, si trovò invece a operare Ciro Pavisa, un uomo dalla personalità schiva, riservata, che esprimeva se stesso attraverso le sue opere. 

Il miracolo delle ciliegie d'inverno - Mombaroccio - Itinerario della Be

Si fece notare già da adolescente: ricoprì di tempere l’interno della parrocchia di Santa Susanna a Villagrande di Mombaroccio. Fu così proprio l’amministrazione comunale a pagare gli studi di Ciro alla Scuola d’Arte di Urbino, dopo aver notato il suo genio artistico. 

 

Di lui, Ivana Baldassari disse che dipingeva “perché senza dipingere non potrebbe vivere, sarebbe come vivere senza cuore, senza sole, senza acqua”. Ciro Pavisa aveva due grandi passioni: i soggetti sacri e la “pittura a cavalletto”; ma fu nel primo ambito che si distinse particolarmente. 

 

Al Santuario di Beato Sante, cui era legatissimo perché la sua dimora natale sorgeva proprio lì accanto, lasciò una delle sue opere più importanti: “Il miracolo delle ciliegie d’inverno”.

LA NATURA NEI BOSCHI DI MOMBAROCCIO: UN RISTORO PER TUTTI I SENSI

Relax e magia alla Sorgente ed edicola della Madonna del Pontaccio

Passeggiate nel bosco - Mombaroccio - Itinerario della Bellezza

Mombaroccio regala degli scorci paesaggistici mozzafiato e nei dintorni del borgo si può vivere la natura allo stato brado. Le passeggiate nel bosco a piedi o su due ruote, inoltrandosi nel fitto della vegetazione, rappresentano uno dei modi più genuini e magici per immergersi nella natura e viverla sulla propria pelle. 

 

Tra l’orchidea purpurea che spunta nel sottobosco, funghi e tappeti di pungitopo con le vivaci bacche rosse che sembrano sussurrare parole d’amore, fiori e felci trasudanti vita, con le loro foglie verdi ove indugiano quelle gocce di rugiada che si mostrano come una pioggia di brillanti, si possono ascoltare i suoni dei pini, dei ginepri, del mirto, “stromenti diversi sotto innumerevoli dita”, come direbbe D’Annunzio che descrive il paesaggio tipico dei boschi ne “La pioggia nel pineto”. 

Ogni senso è colpito e pungolato in questi luoghi: l’olfatto rapito dal profumo dolce e intenso delle ginestre nel periodo della fioritura fino a luglio e delle miriadi di erbe aromatiche che pullulano nel bosco, la vista estasiata dai colori della vitalba, della rosa canina o del biancospino, del giglio rosso e dei ciclamini, dei tigli, degli olmi, il tatto dalle dita che carezzano i tronchi lisci o ruvidi degli alberi e l’udito stimolato dal calpestio delle foglie e dagli scricchiolii e dai suoni della natura.  

 

Respirare aria pura, pulita, lontano dal tramestio urbano, distanti dallo smog, dal traffico, dall’inquinamento anche acustico dei grandi centri cittadini, godere dei silenzi religiosi che solo un ambiente fatato può garantire: questa è la caratteristica principale della Sorgente ed edicola della Madonna del Pontaccio, un luogo ameno che offre aria fresca, piacevole e pulita, ove gli unici suoni sono il canto degli uccellini e il fruscio del venticello tra gli alberi.

Madonna del pontaccio - Mombaroccio - Itinerario della bellezza

La fontana della sorgente, recentemente restaurata, è funzionante e la sua acqua oligominerale è talmente ricercata che anche persone provenienti da zone limitrofe vi si recano per imbottigliarla. Si trova in Via del Pontaccio, presso la frazione di Villagrande, ed è posizionata a ridosso di un breve corso d’acqua, raggiungibile tramite un sentiero di qualche decina di metri.

DALLA FESTA DELLA LAVANDA A QUELLA DELLA TAGLIATELLA, CON UNO SGUARDO AI MERCATINI DI NATALE

Feste per ogni stagione e per tutti i gusti

Panorama con lavanda - Mombaroccio - Itinerario della bellezza

Mombaroccio offre diverse occasioni di convivialità ed eventi caratteristici, che richiamano ogni anno tanti visitatori. D’estate le strade del paese si animano a iniziare dall’ultimo fine settimana di giugno per proseguire con il primo di luglio, in occasione della fioritura della lavanda. 

 

Fa da sfondo all’evento “Lavanda in Fiore a Mombaroccio… e non solo!” il Santuario del Beato Sante che, per l’occasione, si inebria del profumatissimo, intenso e avvolgente odore del fiore violaceo, che dona freschezza e delicatezza, grazie alle sue caratteristiche. Si tratta di una vera e propria esperienza, che consente ai partecipanti delle attività proposte di vivere l’atmosfera del bosco e dei campi di lavanda, oltre a renderli edotti circa le caratteristiche delle erbe officinali. 

E poi percorsi naturalistici, mercatini di artigianato locale, corsi di yoga aperti ad adulti e bambini, giri a cavallo e tour di cicloturismo. I buongustai non potranno non partecipare, poi, alla Festa della tagliatella, organizzata nella frazione di Cairo di Mombaroccio, nel mese di agosto.

 

Tagliatelle fatte a mano vengono appositamente preparate dalle volontarie del comitato della tagliatella, per soddisfare gli esigenti palati dei visitatori. 

 

L’anno si conclude in bellezza, e in una magica atmosfera natalizia, con i mercatini di Natale, meta di tanti appassionati provenienti da tutta Italia. Musica e tradizioni nei vicoli del borgo che si veste a festa per l’occasione; bancarelle, espositori artigianali, prodotti tipici del territorio e ambientazioni a tema animano il centro da ben ventitré anni, in modo da far vivere, a ogni visitatore, quell’atmosfera ricca di fascino e incanto che solo il Natale è in grado di offrire.

Torre Civica Natale - Mombaroccio - Itinerario della Bellezza

Cosa puoi trovare a Mombaroccio

clicca per abilitare lo zoom
caricamento...
Nessun risultato
apri la mappa
vista Roadmap Satellitare Ibrido Terreno La mia posizione A schermo intero prev Il prossimo

Scopri le
bellezze di Mombaroccio

Museo del Ricamo

Situato nella Torre Civica del XVI secolo a Mombaroccio, il Museo del Ricamo conserva oper ...

Santuario del Beato Sante

Il Santuario del Beato Sante, immerso nei boschi vicino a Mombaroccio, è un luogo di pace ...

Museo della Civiltà Contadina

Il Museo della Civiltà Contadina di Mombaroccio, fondato grazie a Varis Iacucci e volontar ...
1

Museo di Arte Sacra

Il Museo d'Arte Sacra di Mombaroccio, situato nella sacrestia della Chiesa di San Marco, c ...

Chiesa di San Marco

Situata nel cuore di Mombaroccio, la Chiesa di San Marco, edificata nel 1424, è un notevol ...

Torre Civica

Erigendo nel XIII secolo, la Torre Civica di Mombaroccio domina il borgo marchigiano con i ...

Confronto immobili

Skip to content