clicca per abilitare lo zoom
caricamento...
Nessun risultato
apri la mappa
vista Roadmap Satellitare Ibrido Terreno La mia posizione A schermo intero

Castello di Gradara

Piazza V Novembre, ,
Preferito

Descrizione

L’imponente Rocca, il simbolo di Gradara

Gradara da sempre si identifica con la sua Rocca. Protetta dalla cinta muraria, la roccaforte che per secoli ha difeso dinastie nobili e famose è il nucleo storico ma vivo dell’abitato circostante.

Il mastio, il torrione principale, domina dai suoi quasi quaranta metri d’altezza l’intera valle circostante. Fu eretto nel XII secolo dalla famiglia De Grifo, a cui sarebbero poi succeduti i Malatesta.

La Rocca, ora di proprietà demaniale, ha subito vari interventi nel corso della sua lunga storia. Alla struttura originale furono apportati ampliamenti e modifiche sotto il dominio dei Malatesta e degli Sforza. In particolare Giovanni Sforza, in occasione del matrimonio con la giovanissima Lucrezia Borgia, figlia del terribile Papa Alessandro VI, aggiunse due ali al cortile interno e uno scalone d’onore per accedere alle sale del piano nobile.

All’interno del guscio forte e minaccioso della fortezza, dopo aver varcato il ponte levatoio, si scopre un frutto gustoso di arte e bellezza. Gli interni si caratterizzano infatti per la presenza di mobili antichi, disseminati per stanze dal nome evocativo che oltre ad affreschi di prestigio regalano scorci stupendi dalle finestre che si affacciano sulla rigogliosa natura del San Bartolo.

Passando per stanze private e presidi di soldati, si accede alla famosa Camera di Francesca. Al suo interno, oltre ad un letto a baldacchino, si trova la botola che si dice fosse il passaggio usato per le incursioni amorose di Paolo, che qui avrebbe trovato la morte con la sua amata, trafitti dalla lama vendicativa di Giangiotto.

Nella stanza compare anche la replica di uno splendido abito di scena cucito dalla stilista Alberta Ferretti che riproduce quello indossato da Eleonora Duse, amante e musa di D’Annunzio che la volle nel ruolo di Francesca da Rimini nell’omonima tragedia.

Non mancano nella Rocca opere d’arte di alto valore tra cui spiccano la pala d’altare di Giovanni Santi, padre del grande Raffaello, e la pala in terracotta invetriata di Andrea Della Robbia, all’interno della cappella.

Indirizzo: Piazza V Novembre
Provincia:
Città:
Stato / Paese:
CAP: 61012
Nazione: Italia
Apri in Google Maps
Sab 15 Giu
Dom 16 Giu
Lun 17 Giu
Mar 18 Giu
Mer 19 Giu
Gio 20 Giu
Ven 21 Giu
Sab 22 Giu
Dom 23 Giu
Lun 24 Giu
Di persona
Via Video
Le tue informazioni

Recensioni

Deviaccesso per pubblicare una recensione

Potrebbero interessarti

Teatro dell’Aria

Parco di educazione ambientale interamente dedicato alla antica arte della falconeria.

Museo Storico

Il Museo Storico di Gradara ha un’esposizione di vecchie armi, tra cui macchine da lancio ...
1

Giardino degli Ulivi

Il Giardino degli Ulivi, è un'autentica gemma che coniuga la bellezza paesaggistica con la ...

Camminamenti di Ronda

Ripercorri il cammino delle guardie, tra torrette di controllo, feritoie e merlature, che ...

Confronto immobili

Skip to content