clicca per abilitare lo zoom
caricamento...
Nessun risultato
apri la mappa
vista Roadmap Satellitare Ibrido Terreno La mia posizione A schermo intero

Museo Archeologico del Territorio

Preferito

Descrizione

Il Museo Archeologico tra preistoria, Romani e inaspettate sorprese

Scendendo nei sotterranei del Palazzo Della Rovere ci addentriamo in un viaggio che, attraverso pochi gradini, ci conduce indietro nel tempo di milioni di anni.

Nel piano interrato del Palazzo è stato allestito il Museo Archeologico del Territorio. Si tratta di un museo che ha lo scopo di raccontare l’evoluzione geografica, storica, e culturale della valle del Cesano, attraverso cinque sale espositive articolate su due piani, complete di pannelli illustrativi ricchi di immagini.

Il nostro viaggio inizia dalla più remota preistoria, quando gli ammoniti, molluschi antichissimi, popolavano l’oceano là dove milioni d’anni dopo sarebbe comparsa la terra.

Una terra dove avrebbero poi camminato animali inaspettati come il rinoceronte e il bisonte, di cui possiamo ammirare l’enorme teschio cornuto. Proseguendo, nelle teche iniziano a comparire gli inconfondibili segni della presenza dell’uomo.

Ne studiamo l’evoluzione attraverso reperti che ripercorrono le varie conquiste umane nella lavorazione dei materiali: agli oggetti in selce seguono quelli in rame, bronzo e ferro, tra fibule, bracciali, frammenti di armi e numerose anfore. Scendendo al piano inferiore entriamo in contatto con una fase cruciale della storia di San Lorenzo in Campo, ossia l’arrivo dei Romani, attestata all’inizio del III sec. a.C.

Tra i numerosissimi reperti, particolarmente affascinanti sono le tante statuette votive rappresentanti figure femminili, probabilmente legate al culto domestico. Di grande interesse è anche il cippo che allora segnava il confine tra i territori degli allora Pesaro e Suasa, la grande città romana a pochi passi da San Lorenzo. L’ultima sala è un ritorno alle origini del museo stesso.

Qui è infatti custodita la collezione allestita da Gello Giorgi, medico e monaco che ne creò il nucleo originario di questo museo. Durante i suoi viaggi Giorgi raccolse un insieme di oggetti molto eterogeneo per epoca e provenienza. Colpiscono in particolare i reperti che il monaco portò con sé dopo il soggiorno in Sierra Leone, dove fu a lungo missionario, che permettono di tuffarci nell’etnologia africana tramite particolarissimi manufatti.

Indirizzo: Via Mazzini, 1
Provincia:
Stato / Paese:
CAP: 61047
Nazione: Italia
Apri in Google Maps
Sab 15 Giu
Dom 16 Giu
Lun 17 Giu
Mar 18 Giu
Mer 19 Giu
Gio 20 Giu
Ven 21 Giu
Sab 22 Giu
Dom 23 Giu
Lun 24 Giu
Di persona
Via Video
Le tue informazioni

Recensioni

Deviaccesso per pubblicare una recensione

Potrebbero interessarti

Abbazia Benedettina di San Lorenzo in Campo

L’Abbazia Benedettina di San Lorenzo in Campo è uno degli esempi di chiesa romanico-gotica ...

Teatro Mario Tiberini

L’eleganza del Teatro di San Lorenzo in Campo è più che un risultato architettonico, è un ...

Museo delle Terre Marchigiane

Il museo raccoglie più di duemila oggetti appartenenti alla tradizione rurale delle Marche ...

Confronto immobili

Skip to content